Belgrado, 29 novembre 2018

Le parole di Luigi di Maio sul Global Compact confermano le preoccupazioni di Fratelli d’Italia espresse da Giorgia Meloni sulla distanza tra M5S e Lega. Salvini imponga subito al M5S un aut aut: o l’Italia dice no al Global Compact oppure il governo deve cadere. Sul tema della difesa dei confini nazionali non c’è libertà di coscienza e non ci sono spazi per compromessi. E se in Parlamento il M5S, votando assieme alla sinistra, dovesse far sì che l’Italia aderisca al documento Onu, la Lega dovrà darne conto a milioni di elettori leghisti e di centrodestra.

Andrea Delmastro

Iscriviti alla newsletter

Resta informato sulle mie attività

Grazie, la tua iscrizione è andata a buon fine!